Category Archives: Riflessioni

C’era una volta la lettera F…

C’era una volta la lettera F…

lettera F

     C’era una volta una F… diranno i miei lettori… no, non è né una Fiaba né una Favola.

E non è l’inizio di qualcosa … ma nemmeno la sua Fine.

La parola alFabeto racchiude le prime due lettere della maggior parte degli alfabeti in uso, la A e la B e da loro prende il nome. Ma qui partiamo dalla F, suggerita chissà per quali vie dell’etere cosmico, in un pomeriggio di raccoglimento solitario, sotto un cielo torinese dall’andamento ondivago… complice forse il titolo di un vecchio testo, la “F come Fiducia” (*).

È la sesta lettera, e come numero 6 ci fa venire in mente l’arcano maggiore dell’Innamorato. Un giovine tra due Fanciulle, Fatica a scegliere tra due Forze contrapposte: “scelgo la mente o il cuore?”, “l’eFFimero o il Fuoco passionale?”; “potrei Fare il FarFallone…”, e al di sopra un cupido, sta lì, pronto a scoccare la Freccia: sarà quella d’oro, quella dell’amore ricambiato, o di piombo, quello dell’amore non corrisposto?

TAR_n6

Il Fatto è, che ci si aspetterebbe che la scelta Fosse quella di amare se stesso… cosa così difficile, complicata, additata e assediata dal senso di colpa. Invece si ama il prossimo se si è imparato ad amare se stessi, perdonandoci i limiti e gli errori (che non iniziano per F).

 La F di Fiore, Farfalla, Felicità, Fanciullezza, Fiducia, Forza, ma anche di Ferita, Fame, Fetore  e Falsità. 

Se si pensa alla lettera f minuscola corsivo, come la scrivevamo in prima elementare, il suo simbolo grafico ricorda un piccolo fiocco, con un capo del filo che se tirato scioglie il nodo. Così qualcuno associa quel piccolo nodo al legame tra il Feto e l’utero della mamma. Un cordone vitale che al giusto momento va tagliato. Un legame Fecondo, Forte, Fondamentale, simbolo di tenerezza, vitalità ma anche Fragilità, che una volta spezzato ci lancia in una nuova vita. L’importanza del taglio, della separazione che non è una Fine ma una continuità nella diFFerenza. In questa svolta la Ferita fa si che il Fantolino passi da un mondo acqueo ad un aereo, con il primo Fiato.

Non so dove la ri-Flessione su questa piccolo carattere grafico mi porterà e dove invece porterà voi, o se vi parrà una piccola follia di primavera. Mi piacerebbe che ogni lettera dell’alfabeto, al pari di ogni cifra numerica, ci spingesse a cercare sempre un po’ più in là e sempre un po’ più in profondità.

(*) Claudio Widmann, “F come Fiducia”, Cittadella Editrice, 2012

A,B,C… aggiungiamo una lettera, anzi un salmo…

A,B,C… aggiungiamo una lettera, anzi un salmo…

 

Eccoci vicinissimi alla Pasqua,

Ci eravamo lasciati un bel po’ di tempo fa con l’idea che ricominciare dall’inizio poteva essere una buona idea,(http://www.orostella.it/?p=625) e la lettura del primo salmo – Le Due Vie – era un invito a non seguire cattivi esempi.

Ora credo ci sia bisogno di riconcentrarsi su quella lettura, ed anche seguire gli ottimi consigli nella pratica quotidiana. Poi magari unire al ripasso anche il secondo salmo… che pare di una attualità stupefacente… se pensiamo ai fatti di questo periodo. Allora ve lo propongo… e vi auguro buona rinascita.

salmo 2

1 Perché questo tumulto fra le nazioni,
e perché meditano i popoli cose vane?
2 I re della terra si danno convegno
e i prìncipi congiurano insieme
contro il SIGNORE e contro il suo Unto, dicendo:
3 «Spezziamo i loro legami,
e liberiamoci dalle loro catene».
4 Colui che siede nei cieli ne riderà;
il Signore si farà beffe di loro.
5 Egli parlerà loro nella sua ira,
e nel suo furore li renderà smarriti:
6 «Sono io», dirà, «che ho stabilito il mio re
sopra Sion, il mio monte santo».
7 Io annuncerò il decreto:
Il SIGNORE mi ha detto: «Tu sei mio figlio,
oggi io t’ho generato.
8 Chiedimi, io ti darò in eredità le nazioni
e in possesso le estremità della terra.
9 Tu le spezzerai con una verga di ferro;
tu le frantumerai come un vaso d’argilla».
10 Ora, o re, siate saggi;
lasciatevi correggere, o giudici della terra.
11 Servite il SIGNORE con timore,
e gioite con tremore.
12 Rendete omaggio al figlio,
affinché il SIGNORE non si adiri
e voi non periate nella vostra via,
perché improvvisa l’ira sua potrebbe divampare.
Beati tutti quelli che confidano in lui!

 

Buona Pasqua 2017 da OroStella

Salutiamo il 2016 bisestile e abbracciamo il 2017

Salutiamo il 2016 bisestile e abbracciamo il 2017

 

Salutiamo un 2016 piuttosto pesante, con tanti avvenimenti tristi ma anche con tante prove che ciascuno di noi ha superato a pieni voti. Ogni cosa sudata è cosa meritata. Ci sono persone care che ci hanno lasciato ma nuovi piccoli angioletti sono arrivati tra noi a riempirci il cuore di gioia.

Lasciamo quindi andare il 2016 che è un anno di compimento, di fine di un ciclo, infatti 2+0+1+6=9, il nove ci dice che siamo arrivati al culmine di una esperienza, e che va metabolizzata e portata a sistema.

L’anno 2017 ci riconduce all’UNO:      2+0+1+7 = 10    e    10 –> 1+0 = 1     un nuovo inizio.

Ecco che si ricomincia, ci è data la possibilità di cominciare un altro ciclo senza dimenticarci dell’esperienza fatta sin qui. Astrologicamente avremo dei cambiamenti tangibili da ottobre del 2017 con Giove che dalla Bilancia transita in Scorpione  e poi da dicembre, nel giorno del solstizio invernale, quando il Sole entra in Capricorno, anche Saturno, signore di quel segno farà l’ingresso nel proprio domicilio.

Un 2017 che all’inizio sarà un gestazione e che sboccerà alla fine dell’anno. Ricordiamoci che libero arbitrio e determinismo sono la trama e l’ordito di una tela e che noi possiamo apporre i nostri ricami affinché diventi sempre più bella e quindi che la storia dell’umanità può crescere in consapevolezza e portare luce dove ancora si affoga nell’ombra.

Un grande augurio a tutte/i di serenità, pace e solidarietà che possano crescere con noi e svilupparsi sempre più

Buon 2017

 

OroStella

 

anno2017

gennaio2017

 

 

Il 2015 volge al termine… in alto i cuori e “never give up”!!!

Il 2015 volge al termine… in alto i cuori e “never give up”!!!

 

E rieccomi qui a riprendere i fili “sfilacciati” di questo microscopico sito…

Intanto un saluto e un abbraccio a tutti coloro che fedelissimi hanno continuato a “clikkare” cercando novità che però per un bel po’ di tempo non hanno trovato, ahi ahi… mea culpa… tanti impegni mi hanno distolta e chi mi conosce meglio sa che è proprio la verità… un pezzetto di cuore e il pensiero però non è mai venuto meno. 

Tento di rimediare facendo in stra-ritardo gli auguri a Bilancia e Scorpione che non hanno visto l’oroscopo del mese… che però è finalmente ripreso da oggi (2 dicembre 2015)… e, “notiziona”, è in preparazione quello annuale…

Già, tempo di Bilanci… ma anche di Progetti

Per tutti noi, per il mondo tutto, questo 2015 si è aperto con notizie tristi e dolorose, e a dire il vero non è che abbia proprio cessato nemmeno oggi… ma il messaggio che deve passare è che un piccolo gesto gentile, un sorriso, la speranza e la voglia di fare sempre meglio non ci deve mai lasciare. E spero che per ciascuno di noi qualcosa di bello e di positivo ci sia stato… Allora fate un bell’elenco e attaccatelo in un posto che possiate vedere tutte le mattine per abituare la mente a concentrarsi sulla parte buona degli eventi, come auto-incoraggiamento e stimolo gioioso.

Per ogni lamentela che ci sfugge dalla bocca ci vuole una azione positiva che la compensi e che anzi la superi, per prima cosa concentramoci per fare qualcosa di buono per noi, amandoci e godendo di ciò che ci fa star bene, l’atteggiamento positivo è contagioso, quindi contagiamoci di positività… 

Importante è non mollare mai… niente resta uguale a prima, e per fortuna direi…

Nell’attesa di conoscere quali stimoli positivi ci propongono le stelle, vi do una piccola anticipazione: Giove nel 2016 si sposterà in Bilancia e per l’Italia (la cui Costituzione nasce sotto il segno dei Gemelli) questo può finalmente indicare un movimento deciso di risalita, quindi mettiamo il cuore al primo posto e restiamo fiduciosi nelle nostre capacità di cambiare le cose, tutti insieme, senza distinzione di razza, sesso, religione…

Il 2016 –> 2+0+1+6=9 –> NOVE il numero della saggezza, e conquistiamola, no?

A presto su queste pagine virtuali,

Amore, Serenità & Semplicità

OroStella

 

.

Notti Insonni producono Poemi Ambigui

Notti Insonni producono Poemi Ambigui

 

 

Instancabile e incessante lavorio per portare Luce in tutte le stanze,

e quando pensavi di aver completato il compito,

accorgersi di un piccolissimo frammento di specchio,

nell’ultimo anfratto sperduto,

dietro cui si cela un infinitesimo angolo in ombra…

impercettibile e subdolo foro,

muro creduto invalicabile,

trampolino verso l’infinito buco nero,

da cui urla la polvere della rabbia antica che,

con urlo angosciante, si leva fino alle orecchie più sorde…

Taccia la voragine,

sia forza nelle membra che si aggrappano alle pareti forti e luminose,

possa arrivare il Giorno, l’Ultimo Giorno,

in cui tutto tacerà perché risolto.

Intanto resistere con la Volontà dell’Amore al violento fascino del vortice…

 

 

Se vogliamo migliorare il mondo dobbiamo iniziare da noi stessi… Astri versus maleducazione

Se vogliamo migliorare il mondo dobbiamo iniziare da noi stessi… Astri versus maleducazione

 

Sentiamo ripetere da più parti, e da molto tempo ormai, che siamo i maestri di noi stessi, che il maestro è dentro ciascuno di noi: come possiamo allora, con umiltà e intelligenza, provare a cercarlo?

Sono molte le strade percorribili per giungere alla meta, qui ne accenneremo ad alcune in generale e ad una in particolare. Ciascuno è libero di scegliere la propria e di scoprirne di nuove.

Una Via è sicuramente la Meditazione ma altre vie, secondo la propria inclinazione, sono altrettanto possibili. Lo studio degli Astri, dei Tarocchi o dei Numeri: sono vie parimenti valide.

Coltivare la propria spiritualità, attraverso le proprie credenze, filosofie, religioni, quando queste siano interpretate con il cuore e non attraverso la  mente che mente, è una “pratica”, meglio se quotidiana, e costituisce una via accessibile a chiunque.

Dedicarsi al canto o alla musica ci può condurre dritti al nostro centro interiore. Anche mettersi davanti ai fornelli e trasformare “alchemicamente” gli ingredienti in un piatto appetitoso, da condividere con la propria famiglia, può essere una sorta di “atto magico” che ci allinea con noi stessi.

E se possediamo tutte queste alternative (cibo compreso) possiamo considerarci fortunati. Poter contemplare l’alba, il tramonto, il mare, le montagne, un albero o un fiore: anche questo è un dono speciale che l’universo ci offre e che dovrebbe toccarci profondamente nel nostro cuore.

Coltivare noi stessi, prenderci cura del corpo e dell’anima è un diritto ma soprattutto un dovere: la felicità e il benessere quindi sono tali (diritti&doveri) per tutti, ciascuno per la propria via e le proprie modalità nel rispetto reciproco.

L’idea quindi è che, se vogliamo migliorare il mondo, se vogliamo annullare le brutture, occorre partire da noi e smettere di pensare che debba iniziare prima qualcun altro perché quel qualcun altro siamo noi! Può essere difficile e duro comprenderlo ma estremamente facile attuarlo…

Astrologicamente parlando:

il nostro Sole (il segno solare a cui apparteniamo, per cui diciamo di essere un Ariete o una Bilancia, uno Scorpione o un Toro,…) è, e deve rappresentare, il nostro progetto consapevole, la nostra meta, le potenzialità che divengono ATTI concreti

mentrela nostra Luna, così ricettiva, ci veicola intimamente le nostre necessità, le nostre emozioni, i nostri bisogni, comunica nell’intimità della nostra anima facendoci comprendere cosa ci fa star bene e cosa no.

Mercurio attiverà la comunicazione attraverso tutti i nostri canali perché si mettano in moto strategie e funzioni al fine di coniugare ciò che Sole e Luna insieme ci indicano come fari nella “notte” del nostro cammino personale… una sorta di cinghia di trasmissione.

Venere, l’amante per antonomasia, ama soprattutto il bello ossia il meglio per noi, il benessere, tutto ciò che ci può mettere nella condizione più favorevole: per questo ci aiuta a formare una scala dei valori e attraverso questo paradigma possiamo dare delle priorità e compiere scelte del caso.

Marte, infine, deve entrare in azione con alle spalle il supporto di Sole, Luna, Mercurio e Venere se vuol agire per una buona causa dove obiettivo e modo per raggiungerlo non siano lesivi o autolesivi… il fine non giustifica affatto i mezzi. I mezzi vanno scelti accuratamente e se non ne esistono di validi, vanno costruiti e non improvvisati sotto l’influsso di una reazione impulsiva e/o isterica.

Per questo pianeti come Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone (si! anche lui, declassato o meno dagli astrofisici, agisce eccome… lui c’è in ogni caso, indipendentemente dalle umane categorie…) sono portatori di un insegnamento superiore. Sono stimoli importanti che ci obbligano a metterci in gioco, in una incessante attività, con prove, lezioni e, perché no, ostacoli, al solo fine di allenarci per migliorare.

Partire da noi per rendere il nostro mondo più bello, partire dal centro, partire dalle cause… invece di partire dagli effetti (o per lo meno, mettiamo pure in azione infermieri e cerotti per curare le ferite di una battaglia, ma se non agiamo sulle cause della battaglia stessa a poco serviranno i cerotti se non a far arricchire chi li produce… a buon intenditore…).

L’angelo caduto, fu tale, poiché non volle inginocchiarsi davanti all’essere umano, creatura di Dio. E come avrebbe potuto davanti ad un essere tanto perfettibile???

Eppure la bellezza della creatura umana sta proprio lì… nella sua possibilità di scelta (libero arbitrio), nella capacità di rendersi migliore, di abbracciare la luce e dissolvere quell’ombra che ristagna dentro di essa.

È giunto il tempo di scegliere se comportarci in modo intelligente, ascoltando il cuore, e dirigersi verso ciò che è luminoso, oppure pigramente arrenderci, e dare ragione a quell’angelo caduto, continuando, con negligenza e stupida ipocrisia, a dire che, tutto ciò che non va e che non funziona, è colpa di qualcun altro.

A noi la scelta.

 

OroStella

A B C… ricominciare dall’inizio non fa mai male

A B C… ricominciare dall’inizio non fa mai male

 

Dopo tanta strada, a volte è bene soffermarsi a riflettere, metabolizzare e riassestarsi…

Così in questo momento astrale in cui le forze si stanno disponendo altrimenti, andiamo in vacanza sereni ma non dimentichiamoci di noi stessi, un po’ di “vigilanza”, orecchio acuto, occhio aperto e cuore puro e disponibile ad accogliere se stessi e gli altri.

Riprendere in mano messaggi semplici e chiari, in epoca di grande frastuono, opinioni contrastanti e confusione, riprendere con l’ABC e ricominciare come scolari, male proprio non può fare.

E allora OroStella vi augura le migliori cose per voi tutte e tutti e vi dedica il Salmo 1, Le DUE VIE, augurandovi di imboccare la migliore, quella della LUCE ovviamente.

 

Beato l’uomo che non entra nel consiglio dei malvagi,

non resta nella via dei peccatori

e non siede in compagnia degli arroganti,

ma nella legge del Signore trova la sua gioia,

la sua legge medita giorno e notte.

 

È come albero piantato lungo corsi d’acqua,

che dà frutto a suo tempo:

le sue foglie non appassiscono

e tutto quello che fa, riesce bene.

 

Non così, non così i malvagi,

ma come pula che il vento disperde;

perciò non si alzeranno i malvagi nel giudizio

né i peccatori nell’assemblea dei giusti,

poiché il Signore veglia sul cammino dei giusti,

mentre la via dei malvagi va in rovina.

*

 

 

 

 

Riflessioni astrologiche

Riflessioni astrologiche

 

Dopo tanto cammino, formato da tanti piccoli passi del genere umano, nella filosofia come nella scienza, e dopo tante innovazioni tecnologiche, che hanno moltiplicato in maniera esponenziale le informazioni, in cui più che navigare talvolta finiamo per affogare, forse è giunto il momento di fermarsi un’attimo, dopo tanta spinta accelerativa, e provare a fare il resumè della situazione.

Chi da tanti anni studia o tratta temi come l’Astrologia, è ormai talmente impregnato della materia da non ricordare bene da dove sia partito, qual è stato l’approccio iniziale allo studio, se ha seguito un metodo o filo conduttore in particolare.

Qualcuno è stato più fortunato ed ha iniziato ordinatamente, qualcuno afferrando il primo bandolo a disposizione e mano mano ha intessuto la propria tela di conoscenza.

Chi si è avvicinato con un manuale ha spesso chiesto ma da quale testo, da quale autore è meglio iniziare? Ricevendo i più svariati consigli.

Già, da qualche parte è bene iniziare, ma il manuale per forza di cose deve essere talmente semplice, immediato e cominciare a passare le prime infomazioni utili, in forma didattica, che quasi mai (ho messo il quasi perché magari mi è sfuggito qualche testo che invece lo fa… ma non me ne viene in mente nessuno ahimè!) si inizia da un bel disegno che rappresenti il sistema solare con i pianeti che finora sono stati rintracciati e poi si completi con una sintetica e semplice tabella sinottica che includa il simbolo planetario, e la spiegazione di questi simboli composti a loro volta di parti elementari  ciascuna delle quali racchiude significati profondi.

Come si fa ad insegnare a leggere e scrivere se non si parte dall’alfabeto? Sì, i metodi sono tanti, vari gli approcci all’apprendimento, ma, prima o poi, se si vuole comprendere appieno il significato dell’Astrologia (aster logos, è il discorso sugli astri) ed essere autonomi nelle interpretazioni e nella comprensione profonda del simbolo, portatore di senso, senza dipendere da chiavi di lettura date da altri che sono arrivati a tali conclusioni (giuste, sbagliate, più o meno corrette o aderenti al vero) occorre risalire alla fonte, ri-leggere il linguaggio cifrato dei glifi e ri-appropriarsi del senso originario.

Il linguaggio degli astri è composto di un alfabeto cifrato, fatto di lettere ma anche di numeri…

Numeri: il linguaggio divino.

                          (to be continued)

OroStella